Laura Dotti, assistant to restaurateur and MasterChef Italia judge Joe Bastianich on finding meritocracy in Italy, working every day from a beautiful winery, and the challenge of keeping tabs on one of Italy’s busiest TV personalities.

 

TA: When did you start working for Joe?

LD: Almost four years ago in 2013, but when I think of all that we’ve accomplished during this period, it seems like it should be at least a decade!

TA: What was the reason for your hire?

LD: A friend of mine who worked with Joe in New York called me to let me know about was a position opening up based in Joe’s Italian headquarters in Cividale del Friuli. He needed someone to work with him as his Italian assistant as well as run communications and PR for the new restaurant that he was opening, Orsone. The first time I met Joe was in a bar downtown. The interview was done in the typical Italian way–a casual conversation over an espresso.  And here I am!

TA: Tell me about Orsone.

LD: Orsone is the first restaurant Joe and Lidia have opened in Italy, overlooking the vineyards of their family estate in Cividale del Friuli. We are about a 90-minute drive from Venice, near the border of Slovenia. This is the place where, in the mid 90’s, he decided to make an Italian home for his family. As a great lover of white wine, he could only choose from within the Friuli Venezia Giulia region, which is one of the best places in the world for producing white wine and is also very similar to Istria, where his grandparents had to flee after the war. I think Orsone is a little “labor of love.” We have a restaurant, a tavern, and a bed and breakfast overlooking the property. It is just a few steps from the cantina where you can go for wine tastings and a tour. It is here where I do my work every day. It’s a very special place.

 

 

TA: What is it like to work for Joe?

LD: I feel honored, really, and I always joke with him that I will never find another job because after this I would be bored to death anywhere else! Sometimes it’s frustrating, and it requires me to make some personal sacrifices. However, it is always challenging and interesting. My previous work has always been in the food and wine sector. Now, for Joe, I am also screening contracts, developing and managing editorial projects, working to arrange his time in films and television productions, and so much more. I have learned a great deal, but I also realize there is still so much to learn, and despite the fatigue–and the dark circles under my eyes–it is what makes me go to work every day with a smile. And then, of course, it helps to have a colleague like you on the other side of the world. Joe can boast that he has an office that operates 24/7!

TA: 24/7 indeed! On that note, what is the craziest day you’ve had with Joe?

LD: I’ll never forget the first time I accompanied him to Milan for the press promotion leading up to the premiere of MasterChef Italia season 3. Even to walk down the street was impossible at times. He was totally mobbed by fans wanting photos and selfies, or just to talk to him. Then in the afternoon, he was a guest of one of the most famous and beloved television programs in Italy. I found myself walking between the dressing rooms, meeting the hosts of the show, and sitting right behind the cameras during the live broadcast. It was an amazing experience for a person who has worked only in the food and wine sector. We ended up spending that evening with a group of friends–musicians whom Joe often performs with– and we were singing, eating and drinking together until about 4 am. On the way back to my hotel, I felt like I’d just spent the day with three different people.

TA: I thought for sure you were going to tell me about your time spent with Kanye West in Florence.

LD: ‪Ah, my day with Kanye West…I was in Friuli with Lidia organizing a last-minute press conference with the local authorities for the next day, when in the mid-afternoon, Joe calls and asks me to help him to do a favor for his friend.

‪He says to me: “Kanye West is trying to buy fabrics for his new fashion line from a factory in the Tuscan countryside, but due to some miscommunication, he can’t make an appointment. So you need to get him one. He arrives in Florence tomorrow morning, and he’s coming just for this reason.”

‪After an endless series of phone calls between me, his manager, and the factory, we got one, and then Kanye’s team says to me: “You have to go with him. Let us know what you need.”

‪So after six hours by train, I meet up with him in Florence. I was in the car with him while he was composing songs inspired by the noise of the traffic. It was the same day that the issue of American Vogue featuring him on the cover (along with his wife, Kim Kardashian) hit the stands. So he was constantly on the phone with journalists and his managers, talking about wedding details, etc.

After our appointment with the atelier, he learned that his flight back to LAX was canceled. We ended up spending the day in Florence, shopping and taking selfies with fans. I was shocked because I had no idea how famous he is. I am an old-style Jazz girl; I listen to Chet Baker and Paolo Conte. I had heard of him but didn’t realize his high level of success. Now when I tell this story, no one believes me. I should have taken a selfie with him like all of his Florentine fans!

TA: You told me that one time you and Joe were in a meeting, and another attendee, in the middle of the appointment, stopped and asked you to make him a coffee, at which point Joe interjected and simply said: “she’s not that kind of an assistant.” While the title of assistant does cover a lot of ground, I think it is very clear to anyone who works with Joe that you don’t function as a secretary, but as a manager and to some extent a confidant and advisor.

LD: Hahaha–I forgot about this. It was at the beginning of my work with him. You know in Italy, except for within larger companies or international businesses, roles aren’t necessarily well-defined. The term “assistant” is often misunderstood and confused with that of a mere secretary who manages appointments and phone calls. There is nothing wrong with that, and I still help Joe with these tasks, but sometimes it becomes difficult to gain respect or to get others to accept your authority to make important decisions–especially with men in high-ranking positions. It is not always easy to make them understand that I’m the one they need to work out the deal with, I’m representing Joe regarding whatever it is we are discussing, but with some patience and perseverance, we work through it.

I appreciate working with the Bastianich family and how they treat their employees and collaborators. They make you feel like you are part of the project and not just that you are working for someone else. They make it known if they feel that you are trustworthy and I think this is key to all of us working so hard because it gives us a sense of ownership over what we are doing and the company itself.

TA: What is the most valuable thing you’ve learned from working with him?

There are many things, but the most valuable for me is the way he views both work and his personal life–with optimism. Working with Joe, I also learned that meritocracy does indeed exist, which is not always easy to find in Italy.  If you work hard and apply yourself fully, then you can achieve anything you want. The energy that he brings to new ideas and projects is contagious and makes you really “attack” life. I no longer fear defeat because at least I know for sure that I am trying my best. It’s like what the great Enzo Ferrari said: “If you can dream it, you can do it.”

 

Photography courtesy of Angelo Trani

TA: Quando hai iniziato a lavorare per Joe?

LD: Quattro anni fa, nel 2013. E’ strano perché solitamente si dice che il tempo voli, ma se penso a tutto ciò che ho fatto da quando lavoro per Joe me ne sembrano passati almeno dieci.

TA: Qual’è stato il motivo della tua assunzione? Il tuo compito principale?

LD: Una mia amica che aveva lavorato con Joe a NY mi ha telefonato un giorno dicendo che stava cercando una figura che potesse avere base a Cividale del Friuli, il suo “quartier generale italiano”. Aveva bisogno di una persona che lavorasse con lui come assistente per le operazioni nazionali e che si occupasse anche di comunicazione e PR per il ristorante che stava aprendo: Orsone. La prima volta che l’ho incontrato è stato in un bar del centro, ho fatto il colloquio in puro stile italiano davanti ad un espresso, ed eccomi qui!

TA: Parlami di Orsone.

LD: Orsone è il primo ristorante che Joe e Lidia hanno aperto in Italia, affacciato sui vigneti di famiglia a Cividale del Friuli, circa 1,30h d’auto da Venezia, vicino al confine Sloveno. E’ stato qui che a metà degli anni ’90 Joe ha voluto ricreare una casa italiana per la sua famiglia.  Da grande appassionato di vini non poteva che scegliere il Friuli Venezia Giulia, terra di grandi vini bianchi, molto simile anche a quell’Istria che i suoi nonni hanno dovuto lasciare dopo la guerra a causa della persecuzioni. Credo Orsone sia un po’ “a labor of love”, è costituito da un ristorante e un bed and breakfast a due passi dai vigneti di proprietà e dalla cantina dove è possibile fare visite e degustazioni di vini. E’ il luogo da cui lavoro ogni giorno ed è un posto davvero speciale.

TA: Com’è lavorare per Joe?

LD: Mi sento davvero onorata, con lui scherzo sempre dicendo che non potrò mai trovare un altro lavoro perché dopo questo mi annoierei a morte in qualsiasi altro posto! Alle volte è frustrante, comporta alcune rinunce soprattutto in campo personale ma è allo stesso tempo una sfida bellissima e ricca di energia. Io ho sempre studiato e lavorato nel campo enogastronomico e ora mi trovo anche a vagliare contratti, sviluppare e gestire progetti editoriali, organizzare il tempo di Joe tra film, produzioni televisive e molto altro. Ho imparato tanto e ancora molto da imparare ma nonostante la stanchezza–e le occhiaie–è proprio questo che mi fa andare a lavoro ogni giorno con il sorriso. E poi sicuramente aiuta tanto avere dall’altra parte del mondo una collega come te. Joe può vantare un ufficio aperto 24/ore al giorno, sette giorni su sette con noi.

TA: La cosa/il giorno più strano che ti è capitato con Joe?

LD: Ugh domanda difficile, ce ne sono state molte. Non dimenticherò mai la prima volta che l’ho accompagnato a Milano per la promozione stampa della terza stagione di Masterchef Italia. A volte era letteralmente impossibile camminare per strada, era assalito dai fans che volevano scattare un selfie o semplicemente parlare con lui. Nel pomeriggio poi era ospite di uno dei più famosi e amati programmi televisivi italiani e mi sono ritrovata a camminare per i camerini, incontrare i presentatori e sedermi dietro le telecamere durante la diretta. Un’esperienza incredibile per chi ha lavorato sempre in settore enogastronomico. Abbiamo trascorso poi la serata insieme ad un gruppo di amici, musicisti con cui solitamente suona, e tra chiacchere, musica, cibo e drink si sono fatte le 4 di mattina. Sulla strada del ritorno mi sentivo come se avessi trascorso la giornata con tre persone diverse.

TA: Ero sicura mi avresti raccontato della giornata che hai passato a Firenze con Kanye West.

LD: Ah, la giornata con Kanye West … ero in Friuli con Lidia Bastianich organizzando una conferenza stampa last minute seguita da un pranzo ufficiale per il giorno dopo quando a metà pomeriggio Joe mi ha chiamato chiedendomi di aiutarlo a fare un favore ad un suo amico.

Mi ha detto: “ Kanye West sta cercando di fissare un appuntamento per comprare tessuti per la sua nuova linea di moda sportiva in un atelier nella campagna Toscana ma per qualche incomprensione non riesce a prenderlo. Domani mattina arriverà a Firenze per questo, fagliene avere uno.”

Dopo una serie infinita di telefonate tra il suo manager e l’atelier ci siamo riusciti e a quel punto il team di Kanye mi ha detto “ ok, devi andare con lui, facci sapere cosa ti serve.”

Così dopo 6 ore di treno l’ho incontrato a Firenze. In macchina lui stava sul sedile posteriore a comporre canzoni ispirate dal rumore del traffico.  Era il giorno in cui negli States uscì in edicola il numero di Vogue America con la copertina dedicata al suo matrimonio con Kim Kardashian, lui era continuamente al telefono con giornalisti e manager a parlare dei dettagli del matrimonio …

Dopo il nostro appuntamento nell’azienda di tessuti scoprimmo che il suo volo per Los Angeles era stato cancellato così abbiamo passato la giornata a Firenze facendo shopping e tante fotografie con i fans. Io ero scioccata perché non avevo idea lui fosse così famoso. Io sono una ragazza old-style che ascolta Chet Baker e Paolo Conte … sapevo che era un affermato ma non avevo realizzato ad un livello tale. Quando racconto questo aneddoto nessuno mi crede, avrei dovuto farmi anche io un selfie con lui come hanno fatto i fiorentini!

TA: Una volta mi ha detto che eri con Joe ad un meeting e nel bel mezzo della riunione un’altro partecipante ti ha chiesto di fargli un caffè quando a quel punto Joe disse “ lei non è quel tipo di assistente”. Il termine assistente è molto generico ma credo sia chiaro a chiunque inizi a lavorare con Joe che il tuo ruolo non è quello di una segretaria ma di una sorta di manager e per certi versi anche consigliere e confidente, giusto?

LD: Ahahahahahha, è vero, me ne ero dimenticata, è stato all’inizio. Sai in Italia, fatto salvo per le grandi aziende o quelle più internazionali – ruoli e responsabilità non sono sempre definiti. Il termine “assistente” spesso viene frainteso e confuso con quello di una pura e semplice segretaria che gestisce appuntamenti e telefonate. Non c’è nulla di sbagliato in questo, è comunque una parte integrante del nostro lavoro, ma alle volte diventa difficile riuscire a farsi rispettare o fare in modo che gli altri accettino la tua autorità nelle decisioni importanti, soprattutto quando tratti con uomini in posizioni importanti. Non è sempre facile fargli capire che sono proprio io, in rappresentanza di Joe, la persona con cui devono parlare e lavorare, ma con un po’ di pazienza e tenacia piano piani ci si riesce.

Una delle cose che apprezzo di più nel lavorare con la famiglia Bastianich è il modo in cui trattano i loro dipendenti e collaboratori. Riesco a farti sentire parte del progetto, di ciò che stai facendo e non solo un mero lavoratore. Se te lo meriti non hanno paura di farti percepire la loro fiducia e questo credo aiuti molto a raggiungere gli obiettivi. Se ti senti parte dell’azienda, lavori più intensamente, come fosse tua.

TA: Qual’è la cosa più importante che hai imparato lavorando con lui?

LD: Sono davvero tante le cose che sto imparando ma credo che la più preziosa sia una conseguenza del suo modo di essere sul lavoro così come nella vita: l’ottimismo.

Lavorando con Joe ho scoperto che la meritocrazia esiste–cosa non sempre facile da trovare in Italia–e ho capito che se ti impegni, ti applichi e lavori sodo puoi realmente realizzare ciò che vuoi. L’energia che lui mette in nuove idee e progetti è contagiosa e ti fa davvero “aggredire” la vita e sentire meno la paura della sconfitta perché almeno puoi di sicuro dirti di averci provato. E’ come diceva il grande Enzo Ferrari: “se lo puoi sognare lo puoi fare.”

 

Photography courtesy of Angelo Trani

Showing 5 comments
  • Avatar
    Deanna Bastianich
    Reply

    I love reading these Kim! Keep up the great work on The Abettor!

    More than anyone, I know how hard both you and Laura work for JVB on opposite sides of the Atlantic!

    • Avatar
      Kim Reed
      Reply

      Thank you Deanna! Your support means more than you know.

  • Avatar
    Lucy
    Reply

    Another great piece – Joe’s v lucky to have you and Laura and Deanna!

  • Avatar
    Kelly
    Reply

    Very nice interview Kim! And nice to “meet” Laura.

  • Avatar
    Marty Reed
    Reply

    Great interview Kim Sure am proud of you.

Leave a Comment